Google+

Saggi musicali: paura, tensione e grandi gioie!

Anche quest’anno è arrivato il momento di ricapitolare con gli allievi, l’anno di studio: i “Saggi”. Come ogni anno si tira le fila di una stagione di lavoro, di divertimento ma anche di grosse arrabbiature. Ho trasmesso la mia passione più grande a dei giovani che hanno messo in pratica il mio punto di vista sul “Come Fare” a studiare, a suonare, ad ascoltare…e il saggio finale è un po il resoconto di tutto questo. Cerco sempre di trasmettere il mio “credo”, che non è fatto di una sola voce (mia e mia soltanto) ma di tutte le voci che mi hanno formato e anche di tutti gli insegnamenti che ho ricevuto, lasciando aperta la porta a tutte le sfumature che un concetto può avere.

Saggi di fine anno

Certo, non è da sottovalutare il lato psicologico relativo alla “Comunicazione” Insegnante-Allievo. Mi sono trovato a confronto con: bambini delle elementari dall’attenzione sfuggente, adolescenti delle medie sommersi di impegni scolastici fino all’esaurimento, ragazzi delle superiori con il convinto ideale di aver sempre ragione, fino agli adulti con la necessità di dare una logica concreta a quello che stanno facendo. Devo quindi ogni volta adattarmi alla situazione per tirar fuori il meglio da loro e contemporaneamente arginare i limiti che incontro.

E adesso che siamo arrivati al momento dei saggi ecco che arrivano le soddisfazioni. Così che il timido si fa coraggio e affronta silenziosamente il palco, tirando fuori tutto il coraggio che è nascosto in lui e conquistando, al termine dell’esibizione un briciolo in più di sicurezza della sua persona. Il sicuro di se che invece ha sottovalutato la pressione del “live” si butta in un concerto che spesso e volentieri gli insegna a dover fare le cose con una maggior cura e umiltà. Tutti comunque ricevono un beneficio da questa esibizione che li spinge a crescere e a migliorarsi per un anno a venire ancora più fruttuoso e produttivo.

Tutto questo discorso è per augurare un grosso in bocca al lupo a tutti i ragazzi che si esibiranno nei saggi di fine anno, e un augurio a tutti gli insegnanti che li preparano!!

 

Matteo Spolveri